Confetta e la Minaudiere

Confetta è una borsetta, una borsa gioiello, anzi più esattamente: una minaudière.

Che cosa significa questa parola francese?

La minaudière è nata come creazione dei gioiellieri Van Cleef & Arpels. Dai loro archivi vediamo che uno dei primi pezzi, la Roses Minaudière, risale al 1926. L’idea è nata quando Charles Arpels visitò la sua amica socialite Florence Jay Gould, la quale portava con sé un porta sigarette in latta con all’interno rossetto, cipria ed accendino. 

 

In quell’epoca, infatti, le donne iniziavano ad uscire portandosi dietro gli accessori di bellezza. 

La Minaudière aveva dei mini compartimenti per il pettine, trucco, specchio, sigarette, carte, orologio racchiusi in una struttura lussuosa, abbellita con delle pietre. D’altronde, se era una creazione di gioielleria non poteva non essere di lusso. 

All’epoca lo stretto necessario non era evidentemente quello di cui abbiamo bisogno oggi.

Negli anni questa borsetta piccolina, raffinatissima, è stata un oggetto sempre più creato ed abbellito da particolari lussuosi. Un gioiellino da portare in giro, per eventi particolari e perlopiù serali. 

Le star sui red carpet indossano sempre una minaudière, in quanto abbellisce il look e ovviamente lo rende ancora più da sera ed importante. Bisogna pensare che una minaudière può sostituire anche i gioielli, o affiancarli rendendoli ancora più preziosi. In generale, basta la minaudière per identificare il look come “importante”. 

Quello che intendiamo fare con Confetta è rendere la minaudière adattabile anche ad eventi di giorno, anche con un paio di jeans, in quanto l’eleganza è fatta nei dettagli. 

Con Confetta non serve nient’altro per brillare. ❤️

Eleonora

Acquista ora